ALLARME CIRCOLARI INGANNEVOLI E FURTO DI VIDEO (Avv. Silvia Pini)

Uno splendido ed esclusivo video dell’avv. Silvia Pini che attraverso una circolare ingannevole mette a nudo come il sistema si approfitti di qualsiasi mezzo pur di ottenere la vaccinazione di ogni singolo individuo. Uno splendido video purtroppo letteralmente rubato dal canale telegram “Liberaespressione”, fatto proprio con tanto di logo e nessun riferimento alla pagina dell’avv. Pini.
 
Sostieni il nostro lavoro con una donazione, dona ora per la libertà di tutti: https://www.paypal.me/InformalTV https://www.informaltv.it/donazioni/
 
GUARDA VIDEO ESCLUSIVI SUL NOSTRO SITO E ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER: https://www.informaltv.it/
ISCRIVITI AL CANALE TELEGRAM: https://t.me/MatteoDemicheliInformalTV
 
Contatti: informaltvredazione@gmail.com
 
Le nostre pagine:
https://www.informaltv.it/
https://t.me/MatteoDemicheliInformalTV
www.youtube.com/channel/UCobXnhvjLiGPL9fZNuuQjoQ
www.facebook.com/infOrmalTVinformazioneindipendente/
https://twitter.com/INFORMALTV1
https://vk.com/informalTV
 
FONTI:
https://www.facebook.com/avv.silviapini/posts/1638076469727919

Clicca per valutare questo post

Media dei voti: 4.3 / 5. N. Voti: 7

Nessun voto presente per questo post , puoi essere il primo !

2 thoughts on “ALLARME CIRCOLARI INGANNEVOLI E FURTO DI VIDEO (Avv. Silvia Pini)

  1. “NON SIETE VACCINATE? TOGLIETEVI DAL CA…!” – così Bonaccini avrebbe offeso le insegnanti riminesi…Ci è arrivata alla casella di posta redazione@byoblu.com una lettera a firma di una insegnante di Rimini che, assieme ad altre colleghe, nel pomeriggio di sabato sostiene di aver subito un episodio di aggressione verbale da parte del presidente della regione Bonaccini e del sindaco Gnassi.
    “Una delegazione di insegnanti, tra cui me, aveva ottenuto dal presidente stesso tramite membri del PD l’autorizzazione ad incontrarlo personalmente per sottoporgli una richiesta: la legittimità a livello regionale dei tamponi salivari ai fini del rilascio del Green pass; la sede stabilita per l’incontro era la piazza stessa in cui sabato pomeriggio Bonaccini ha presentato il suo nuovo libro; l’incontro è avvenuto poco prima dell’inizio della conferenza”, precisa l’insegnate.
    Quella che segue è la lettera inviataci con preghiera di diffusione. Se Bonaccini vorrà replicare, Byoblu si rende disponibile.
    Cari concittadini,
    sono un’insegnante precaria della provincia di Rimini che ha deciso di non rimanere in silenzio di fronte ad un episodio, a dir poco indegno di un paese democratico (che l’Italia non è più), nel quale sono stata coinvolta sabato pomeriggio.
    Il presidente della regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, è stato invitato a presentare il suo nuovo libro a Rimini nel pomeriggio di sabato 28 agosto, alla presenza di altre personalità del PD della provincia riminese, in primis il sindaco di Rimini, Andrea Gnassi, e il candidato sindaco alle prossime elezioni, Jamil Sadegholvaad.
    Dopo aver discusso con altri docenti riminesi che come me hanno una posizione dubbiosa sul vaccino, preoccupati per la gravissima discriminazione a cui siamo stati sottoposti con l’introduzione del Green pass, siamo riusciti ad ottenere la possibilità di incontrare di persona il presidente, poco prima dell’inizio della conferenza, per sottoporgli la nostra richiesta di rendere i tamponi salivari legittimi e validi per il rilascio del Green pass (in quanto meno invasivi rispetto a quelli naso-faringei, ma attualmente non validi per ottenere il lasciapassare).
    Ecco il resoconto dei fatti. Sabato pomeriggio attorno alle 18:45 il presidente Bonaccini è arrivato nel luogo della conferenza e, come da accordi, si è diretto verso noi docenti che lo stavamo aspettando. Non ci è stato concesso nemmeno il tempo di presentarci che lui, con toni violenti ed inquisitori, ci ha chiesto ad alta voce: “Siete vaccinate?”. Per un attimo siamo rimaste ammutolite, con gli occhi sgranati, ma lui ha subito rinnovato la domanda, quasi urlando, con un fare sempre più intimidatorio: “Siete vaccinate???”. Nei suoi occhi e nella sua voce vibravano un disprezzo e una rabbia tangibili. Ha proseguito sbraitando dinanzi ai nostri volti esterrefatti: “Io con i non-vaccinati non parlo! Non mi portate i non-vaccinati!”.
    Ci siamo sentite come dei vermi che avrebbe schiacciato volentieri se solo avesse potuto. Purtroppo le mie parole non riusciranno mai a rendere la durezza e l’aggresività di quei toni e il carattere violento, quasi irreale, di quella scena. Mentre Bonaccini ci esortava a “toglierci dal cazzo” (sic!), si è intromesso anche il sindaco Gnassi che, con le stesse maniere galanti del suo compagno e collega, mi ha spintonato e ha intimato perentoriamente a me e alle mie colleghe di andarcene subito. Trovandomi faccia a faccia con il sindaco (che ho contribuito a far eleggere per ben due mandati e che fino a qualche tempo fa stimavo per l’impegno e la dedizione profusi per migliorare e valorizzare la nostra città), mentre mi cacciava come una reietta senza neanche avermi dato la possibilità di parlare, gli ho detto che mia madre era un’ex alunna di sua madre, una straordinaria insegnante di lettere che mia madre ha amato per i suoi ideali di uguaglianza e giustizia, che sapeva trasmettere ai suoi studenti; la sua risposta è stata: “Non me ne frega un cazzo di chi sei figlia! Toglietevi dai coglioni!”.
    Sapere la mia identità interessava molto invece a qualcun altro poco distante. Infatti, mentre mi allontanavo in uno stato di forte agitazione e smarrimento, due uomini mi hanno seguito: erano due agenti della Digos, in borghese, che mi hanno chiesto i documenti e li hanno fotografati.
    Mi chiedo come dei politici possano aver tanto smarrito il senso della loro missione al punto da negare aprioristicamente il dialogo a chi non la pensi come loro, sostituendolo con aggressioni verbali, turpiloquio e spintoni. La storica lotta della sinistra per i diritti di tutti dove si è smarrita? Meschino ed ipocrita riempirsi la bocca di belle parole quando si tratta di donne afghane, migranti e lgbt (gruppi sociali che hanno il sacrosanto ed inalienabile diritto, come tutti gli esseri umani e tutte le altre specie viventi, ad una vita dignitosa e felice) e poi non dire una parola in favore dei propri concittadini così brutalmente discriminati, ma anzi fomentare il clima d’odio contro di essi.
    Mala tempora currunt: sed peiora parantur?
    Rimini, 30/08/2021
    Un’insegnante precaria
    https://www.byoblu.com/2021/08/31/non-siete-vaccinate-toglietevi-dal-ca-cosi-bonaccini-avrebbe-offeso-le-insegnanti-riminesi/

  2. Condivido le proteste civili e pacifiche, non quelle violente ma QUESTE sono le VERE persone violente che generano odio nelle persone, dall’alto dei loro padiglioni possono offendere e mancare di rispetto… ma chi si credono? Faranno i conti anche loro prima o poi dall’alto della loro superbia….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *